Ecobonus - Guida alle detrazioni fiscaliEcobonus - Guida alle detrazioni fiscali.

Ecobonus 2021: una guida completa alle detrazioni


Utenti che ritengono che questo articolo sia utile: 7Pubblicato il 17-04-2021 da Redazione

Tabella dei contenuti

    Se stai pensando di effettuare dei lavori di ristrutturazione per il risparmio energetico e stai cercando degli incentivi che ti permettano di abbattere i costi degli interventi, Ecobonus 2021 ti viene incontro offrendoti una serie di detrazioni: si parte infatti dal 110% previsto nel Superbonus, per arrivare alle aliquote ordinarie del 65% e 50%.
    Con la Legge di Bilancio 2021 è stata disposta una proroga per quanto riguarda l'Ecobonus affiancata a quella relativa al Superbonus, con alcune introduzioni da parte del Ministero dello Sviluppo Economico per quanto riguarda i requisiti tecnici per i lavori detraibili.

    Ecobonus: cos'è

    Il decreto legge n.63 del 04/06/2013 ha introdotto incentivi per incoraggiare i lavori per l'efficienza energetica. L'Ecobonus è la detrazione fiscale prevista per gli interventi di riqualificazione energetica di edifici già esistenti.
    Per quanto riguarda invece la regolamentazione dei limiti di spesa, i lavori ammessi e gli adempimenti richiesti, si fa fede all'articolo 14 del DL n.63/2013, modificato diverse volte fino all'ultima Legge di Bilancio del 2021. L'Ecobonus rientra tra le detrazioni fiscali Irpef ed Ires.

    Ecobonus 110: quali sono le spese ammesse per il Super Ecobonus al 110%

    Con le modifiche alla Legge di Bilancio del 2021 con l'Ecobonus sono previste detrazioni fiscali del 110%. Con il Super Ecobonus 110 sono ammesse tutta una serie di spese per alcuni lavori di ristrutturazione. Eccole di seguito:

    Ecobonus 110: schema riassuntivo dei lavori ammessi e dei limiti di spesa
    Ecobonus 110: schema riassuntivo dei lavori ammessi e dei limiti di spesa

    1) Isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l'involucro dell'edificio, con un'incidenza al di sopra del 25% della superficie disperdente lorda dell'edificio stesso. Per questo intervento i limiti di spesa sono di 50.000 euro per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno; 40.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l'edificio per gli edifici composti da due a otto unità immobiliari; il limite di spesa scende invece a 30.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l'edificio per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari.

    2) Interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria, a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto a pompa di calore, compresi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all'installazione di impianti fotovoltaici  e relativi sistemi di accumulo ovvero con impianti di microcogenerazione o a collettori solari. In questi casi il limite di spesa è di 20.000 euro/unità immobiliare per edifici fino a otto unità immobiliari; 15.000 euro/unità se l'edificio è composto da più di otto unità immobiliari ed è riconosciuta anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell'impianto sostituito; 30.000 euro anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell'impianto sostituito

    Questi sono definiti interventi trainanti, ma il Superbonus spetta anche nel caso di interventi trainati se eseguiti congiuntamente. Si tratta dei lavori per l'efficientamento energetico (quelli quindi per il classico Ecobonus da 65% e 50%), sempre nei limiti di spesa previsti dalla legislazione vigente oppure quelli previsti anche nel sismabonus. A questi si aggiungono:

    • Interventi per l'eliminazione di barriere architettoniche;
    • Installazione di colonnine di ricarica per veicoli elettrici;
    • Installazione pannelli fotovoltaici.

     

    Detrazione 65%: quali lavori sono previsti con Ecobonus 65%

    Per i lavori di ristrutturazione per la riqualificazione energetica non eseguiti in modo congiunto a quelli citati in precedenza, esistono detrazioni fiscali ordinarie. La prima è un'agevolazione con aliquota del 65%.

    Gli interventi previsti sono i seguenti:

    • Riqualificazione globale dell'edificio (limite di spesa 100.000€);
    • Collettori solari (limite di spesa 100.000€);
    • Microgeneratori (limite di spesa 100.000€);
    • Coibentazione involucro (limite di spesa 60.000€);
    • Scaldacqua a PDC (limite di spesa 30.000€);
    • Caldaie a condensazione Classe A+  Sistema termoregolazione evoluto (limite di spesa 30.000€);
    • Generatori di aria calda a condensazione (limite di spesa 30.000€);
    • Pompe di calore (limite di spesa 30.000€);
    • Generatori ibridi (limite di spesa 30.000€);
    • Sistemi di Building Automation (limite di spesa 15.000€);

     

    Ecobonus 50%: ecco quali lavori sono previsti

    Tra gli interventi per la riqualificazione energetica non eseguiti in modo congiunto a quelli previsti nel Superbonus alcuni prevedono detrazioni fiscali del 50%, ecco di seguito quali sono:

    • Serramenti e infissi (limite di spesa 60.000€);
    • Schermature solari (limite di spesa 60.000€);
    • Caldaia a biomassa (limite di spesa 30.000€);
    • Caldaie a condensazione classe A (limite di spesa 30.000€);

     

    Detrazioni risparmio energetico: tagli fino all'85%!

    Sono previste detrazioni per l'efficientamento energetico di parti comuni dei condomini con aliquote che possono arrivare addirittura all'85%. Ecco di seguito quali sono gli interventi:

    • Aliquota 70%: coibentazione involucro con superficie interessata maggiore del 25% della superficie disperdente. Limite di spesa: 40.000 €;
    • Aliquota 75%: Coibentazione involucro con superficie interessata maggiore del 25% della superficie disperdente con aumento della qualità media dell’involucro. Limite di spesa: 40.000 €;
    • Aliquota 80%: Coibentazione involucro con superficie interessata maggiore del 25% della superficie disperdente e riduzione di 1 classe di rischio sismico. Limite di spesa: 136.000 €;
    • Aliquota 85%: Coibentazione involucro con superficie interessata maggiore del 25% della superficie disperdente e riduzione di 2 o più classi di rischio sismico. Limite di spesa: 136.000 €.
    • L'aliquota può raggiungere addirittura il 90% nel caso si usufruisca del Bonus Facciate.

     

    Ecobonus 2021: chi può usufruirne

    Tutti i contribuenti, titolari di reddito di impresa compresi, possono richiedere l'ecobonus, l'importante è che risultino in possesso di un immobile per il quale sono previsti lavori con l'obiettivo del risparmio energetico. Non sono esclusi da questo incentivo i contribuenti cosiddetti incapienti, cioè coloro che hanno un reddito tanto basso da essere esentasse.

    È importante ricordare che le detrazioni sono riconosciute solo per i lavori di riqualificazione energetica su edifici già esistenti e non possono essere applicate ad immobili in corso di costruzione.

     

    Ecobonus 2021: come ottenere le detrazioni

    È possibile usufruire dell'Ecobonus 110%, 65% e 50% nei seguenti modi:

    • Detrazione fiscale diretta: anticipi la somma e la recuperi al completamente nella dichiarazione dei redditi, attraverso cinque rate di pari importo spalmate in cinque anni;
    • Sconto in fattura: l'impresa che effettua i lavori sborsa l'intera somma, che poi recupera sotto forma di credito di imposta, da detrarre in cinque rate, con la possibilità di effettuare cessione del credito ad altri soggetti, come istituti di credito ed altri intermediari finanziari;
    • Cessione del credito d'imposta: c'è la possibilità di far pagare la somma ad altri soggetti, compresi istituti di credito ed altri intermediari finanziari.

     

    Ecobonus 2021 e Comunicazione Enea

    Se vuoi beneficiare di ecobonus 110%, ma anche 50% e 65% è necessario effettuare la comunicazione Enea delle spese sostenute, entro la scadenza di 90 giorni dalla data di fine dei lavori. Per poter usufruire delle detrazioni fiscali, sarà necessario inviare:

    • dati anagrafici di chi ne beneficia;
    • informazioni riguardanti l'immobile sul quale sono effettuati gli interventi;
    • tipologia di interventi.

     

    Trovare l'impresa per i tuoi lavori di efficientamento energetico

    Se stai pensando di iniziare i lavori per conferire l'efficienza al tuo immobile, rivolgiti a noi per richiedere un preventivo gratis, troverai le imprese più vicine a te e più convenienti e che potranno soddisfare ogni tua esigenza: trova il prezzo migliore per gli interventi con la possibilità di usufruire anche dell'Ecobonus.

    Questo articolo ti è stato utile?


    Quanto costa ristrutturare casa?
    Con Ristrutturazioni.com® puoi confrontare 3 preventivi gratuiti delle migliori ditte della tua zona.

    I nostri utenti hanno valutato Ristrutturazioni.com® un servizio Facile, Veloce ed Eccezionale!
    • Fai una richiesta
    • Confronta Preventivi Reali
    • Scegli il professionista
    Richiedi Preventivi

    Ti potrebbe interessare anche