Quanto costa installare una Pompa di Calore?

Le pompe di calore rappresentano un bel vantaggio dal punto di vista energetico. Rispetto alla tradizionale caldaia, questi sistemi innovativi consentono infatti di abbattere le spese di manutenzione annua, di risolvere il problema della produzione di monossido di carbonio e di aumentare la sicurezza. Con un solo impianto, infine, è possibile scaldare e rinfrescare casa, eliminando inutili costi di duplicazione degli impianti.

Preventivo pompe di calore: costi ammortizzati in pochi anni

Il funzionamento della pompa di calore si può paragonare a quello di un frigorifero, ma il processo è inverso. La pompa di calore sfrutta una minima quantità di energia elettrica o di gas, riuscendo a produrre una quantità maggiore di energia termica. Tra i fattori da tenere in considerazione, per l'installazione di una pompa di calore, rientrano la temperatura della fonte di calore e lo spazio dove installare l'impianto che deve essere ampio. Il costo per l'installazione di una pompa di calore dipende dalla tecnologia per cui si opta e in commercio ne esistono almeno tre.

Per quelle ad aria-aria il prezzo può aggirarsi intorno ai 270 euro, sino ad arrivare ai 700 euro, per quelle ad aria-acqua il prezzo oscilla tra i 300 e i 900 euro. Le pompe di calore geotermiche sono in assoluto le più dispendiose, il loro costo va dai dagli 800 ai 1600 euro. Spesso a scoraggiare chi sta per passare a questo nuovo sistema di climatizzazione non sono tanto i costi di acquisto quanto quelli di ristrutturazione e di adeguamento.

Si tratta, tuttavia, di una spesa che quasi sempre viene ammortizzata nel breve termine. Prima di parlare effettivo risparmio, è importante conoscere tutti i tipi di pompe di calore esistenti e il risparmio che può derivare dall'installazione di ognuna di esse. Le pompe di calore, come detto, si diversificano in base alla sorgente di calore che può essere, come abbiamo visto, l'aria, il suolo o l'acqua.

Impianto a pompa di calore domestico: tipologie e prezzi

La tipologia più economica, come abbiamo visto, è la pompa di calore aria/aria, ideale per gli appartamenti perché è in grado di scaldare e rinfrescare in poco tempo e, quindi, con una piccola spesa. È anche la più facile da installare in quanto ha un'unità esterna che cattura l'energia dell'ambiente per lavorare. Il secondo modello più diffuso è quello aria/acqua che ha il vantaggio non solo di climatizzare gli ambienti ma anche di produrre acqua calda sanitaria. Questa è in assoluto la scelta preferita da chi risiede in una casa indipendente.

Il calore (o l'aria fresca) fuoriesce o attraverso il cosiddetto ventilconvettore che può essere applicato sia sul soffitto oppure a terra come un tradizionale termosifone oppure tramite un più moderno sistema radiante (a soffitto o a pavimento). L'ultima tipologia è quella delle pompe di calore geotermiche ovvero quelle che utilizzano il terreno e le falde acquifere come fonte di calore. Questo modello ha un'efficienza costante nel tempo e, proprio per questo motivo, è in forte ascesa. La pompa di calore può essere distinta anche in monovalente e bivalente, nel primo caso si tratta dell'unica fonte di calore per tutto l'appartamento, nel secondo caso, l'impianto si andrà ad affiancare ad impianti di riscaldamento preesistenti.

Chi ristruttura un grezzo, in genere, opta per la prima soluzione mentre la seconda eventualità si presenta il più delle volte per motivi di efficientamento energetico in fase di ristrutturazione. Per una corretta installazione, onde evitare il verificarsi di eventuali problemi all'impianto dovuti ad un montaggio scorretto, è opportuno affidarsi ad un professionista. Proprio in ragione dell'eterogeneità dei modelli, un preventivo pompe di calore può variare molto in termini di prezzo e tempistiche di installazione.

Ciò, naturalmente, dipende anche dalla grandezza dell'ambiente da riscaldare. Un restyling non solo strutturale ma anche energetico è comunque un tipo di intervento da prendere in considerazione. Anche un investimento considerevole come quello delle pompe di calorepiù all'avanguardia, insomma, viene ammortizzato nell'arco di pochissimi anni.