Costi e Preventivi sugli
impianti di climatizzazione per la casa

Prezzi, idee e soluzioni per una climatizzazione della casa perfetta

Gli impianti di climatizzazione sono fondamentali per massimizzare la vivibilità di un ambiente. Molto, naturalmente, dipende dal luogo in cui si risiede: freddo intenso e caldo torrido possono infatti essere determinanti nel rapporto inquilino-casa. L'errore più comune è quello di acquistare un impianto sottodimensionato rispetto alla metratura di un appartamento pensando, per esempio, soltanto al risparmio; un altro sbaglio assai ricorrente, al contrario, è quello di acquistare un dispositivo troppo potente con conseguenze in termini di costi sia di acquisto che di gestione.

Affinché la temperatura sia ottimale sia d'estate che d'inverno è fondamentale, quindi, rivolgersi a un esperto e scegliere il sistema adatto alle dimensioni dei locali, al luogo in cui è ubicato lo stabile ma anche all'esposizione e alle proprie abitudini.

Impianti di climatizzazione: costi e tipologie

Quando si parla di climatizzazione casa trovare il sistema giusto può essere molto complesso. Questo perché scegliere una soluzione piuttosto che un'altra è questione non soltanto di altezza degli ambienti, di pareti esposte all'esterno, di metri quadrati, di numero di porte e finestre (fondamentale anche il tipo di infisso) e di disposizione delle stanze ma anche di gusti e di percezione del calore. La domanda da porsi, in sostanza, è: sono un tipo freddoloso? Soffro terribilmente il caldo mentre l'aria fresca mi dà sollievo? Si tratta di un aspetto fondamentale in quanto c'è chi, non conoscendo le numerose soluzioni innovative, ritiene irrinunciabile la presenza dei termosifoni.

Al contrario c'è chi non ama ambienti molto freschi e ritiene sufficiente una buona deumidificazione. Cominciamo subito individuando tipologie e costi degli impianti in commercio. Tutti i modelli che stiamo per citare appartengono alla categoria dei climatizzatori perché, appunto, regolano il clima. Essi, poi, si dividono in condizionatori, che sono in grado solo di rinfrescare, filtrare l'aria e deumidificarla ma non di produrre calore, e climatizzatori a pompa di calore. Un'altra differenziazione riguarda il tipo di accensione: esistono infatti i modelli on-off e gli inverter.

Il secondo è preferibile dal punto di vista del risparmio energetico perché consente di regolare automaticamente la potenza e la velocità di funzionamento del macchinario in base alla temperatura esterna e ai valori impostati per gli ambienti interni. In questo modo si evitano dispendiosi spegnimenti con successiva riaccensione (fenomeno tipico dei modelli tradizionali).
Per un buon acquisto, oltre alle caratteristiche succitate, è fondamentale valutare anche i seguenti aspetti:

  • coefficiente di prestazione (COP) che rappresenta il rapporto tra energia fornita ed energia elettrica consumata
  • il livello di rumorosità
  • la quantità d'aria trattata (che si misura in mc/h)
  • la possibilità di direzionare la ventilazione.
Ci sono altre due categorizzazioni per quanto riguarda i sistemi di climatizzazione. La prima riguarda il metodo di diffusione del caldo o del freddo.
Si può scegliere, dunque, tra diversi sistemi:

  • climatizzazione a pavimento
  • climatizzazione a parete (le classiche unità che siamo abituati a vedere nelle abitazioni tradizionali)
  • climatizzazione a soffitto
  • climatizzazione a controsoffitto (vengono progettati ad hoc per ambienti molto bassi, pensiamo per esempio a una mansarda).
La seconda, ed è fondamentale, è il tipo di alimentazione. Pensiamo, solo per fare un esempio alla differenza che passa tra un'abitazione con riscaldamenti con caldaia a gas e condizionatore per il fresco, e un climatizzatore a pompa di calore elettrico valido sia per il caldo che per il freddo. Nel secondo caso si potrà risparmiare un intero capitolo di spesa ovvero quello dell'allaccio e della bolletta del gas.

Climatizzazione casa: risparmio e manutenzione

Oltre al sistema di climatizzazione con pompa di calore e al riscaldamento con caldaia tradizionale, esistono moltissimi altri sistemi per scaldare casa. In questo caso la domanda da porsi è: qual è il sistema di alimentazione più conveniente? Si tratta di un aspetto fondamentale perché il più delle volte un impianto elettrico, come quello della pompa di calore solo per proseguire con lo stesso esempio, è più conveniente rispetto al metano. Con l'installazione di un boiler e utilizzando le piastre a induzione in cucina, come detto, si può persino risparmiare sull'allaccio del gas.

Tornando ai sistemi di riscaldamento, le proposte vanno dal riscaldamento a pannelli radianti (valido anche per rinfrescare) passando per il cosiddetto termocamino (con il quale si può scaldare anche l'acqua o alimentare l'impianto di climatizzazione a pavimento). Per quanto riguarda l'acqua si può inoltre valutare un impianto solare termico. Quanto al termocamino, la scelta è altrettanto ampia perché le differenze in termini di alimentazione sono notevoli: a pellet, a legna, a gpl, a metano o a gasolio. Fondamentale, dopo aver istallato l'impianto giusto, è anche la manutenzione dello stesso. Un tecnico specializzato dopo il montaggio e l'attivazione dovrà infatti rilasciarti un libretto in cui sono riportate le caratteristiche dell'impianto e informazioni utili su scadenze e controlli.

La manutenzione dell'impianto di riscaldamento è importante perché un sistema che funziona male può produrre uno sperpero di energia ed essere dannoso per la salute. Il tecnico è infine tenuto a rilasciare una certificazione sulla Dichiarazione di conformità dell'impianto, unica prova che ne accerti il regolare funzionamento. Il mondo degli impianti di climatizzazione, insomma, è piuttosto complesso: chiedere la consulenza di un esperto può essere di grande aiuto soprattutto per individuare la tecnica di alimentazione più funzionale ed economica.

News: ristrutturare casa nel modo migliore

Detrazioni fiscali risparmio energetico: tutto sull'Ecobonus 2018

Quali sono le agevolazioni previste fino al 31 dicembre 2018 per chi realizza interventi finalizzati a ridurre i consumi di corrente? Tutti i dettagli sull'Ecobonus intervento per intervento con le relative scadenze

Comfort e relax: l'arredamento del soggiorno ha sempre la priorità

Sei in cerca di idee per l'arredamento del soggiorno in stile classico o moderno? Ecco tutte le ultime novità per il salotto selezionate per te dagli interior designer di Ristrutturazioni.com. Dai lampadari gioiello ai mobili sospesi, tantissimi spunti e consigli per coniugare design, comfort e facilità di pulizia.

Case in legno: ecco perché sono amiche del risparmio

Quanto costa una casa in legno? Quanto dura e quali sono i vantaggi? Ecco una mini guida che ti aiuterà ad orientarti nel settore della bioedilizia e a quantificare il potenziale risparmio energetico di un'abitazione di nuova generazione

Detrazioni Fiscali Cappotto Termico: così il risparmio sarà doppio

Accedendo alle detrazioni fiscali per l'isolamento a cappotto e alle opportunità dell'Ecobonus è possibile ottenere un risparmio doppio: sui costi di realizzazione dell'intervento e in bolletta grazie a un migliore isolamento termico della casa

Condizionatore inverter: che cos'è e come funziona

L'ondata di caldo sta mettendo a dura prova tutti, soprattutto chi non dispone di un adeguato impianto di climatizzazione in casa. Se sei tra questi non fare acquisti avventati, dettati dalla foga e dalla fretta di ricominciare a respirare: prendi un ventilatore e concediti 5 minuti per leggere i nostri consigli.