Preventivi ristrutturazione piscina interrata

Prezzi, idee e modelli: tutto sulle piscine interrate

Una buona ristrutturazione della piscina è il primo passo per rinnovare gli spazi esterni della propria abitazione e godere appieno dei pochi momenti di relax disponibili, in famiglia o con gli amici. Un buon restyling, tuttavia, richiede l'occhio di un esperto per essere pianificato e l'intervento di un'impresa specializzata affinché i lavori eseguiti possano durare nel tempo. Ecco, dunque, qualche consiglio per rimettere a nuovo la piscina interrata senza spendere più del previsto.

Ristrutturazione piscina: tipologie e costi di installazione

Ristrutturare la piscina può essere un intervento semplice e veloce, quando si tratta soltanto di sostituire alcune parti usurate, oppure un'operazione molto complessa e talvolta costosa quando l'obiettivo è quello di rivoluzionare completamente l'aspetto dei propri spazi esterni. Come noto esistono due macro categorie: le piscine fuori terra e quelle interrate. Passare dall'una all'altra tipologia è sicuramente un lavoro di ristrutturazione importante ma affidandosi al giusto professionista e chiedendo più preventivi come suggerisce Ristrutturazioni.com il costo finale potrebbe essere più contenuto del previsto.

Una volta stabilito se si desidera un modello fuori terra, in acciaio, legno o materiale composito, oppure una piscina interrata è possibile cominciare a chiarirsi le idee sui costi. La prima tipologia non necessita infatti di lavori di muratura ma soltanto di un ampio spazio per essere installata generalmente dal personale della ditta in cui avviene l'acquisto. Nel secondo caso, invece, prima di intervenire bisognerà fare una serie di valutazioni relative alla profondità e all'ampiezza.

Questo non solo per via dello scavo e dei materiali che saranno utilizzati ma anche perché se essa avrà una grandezza superiore agli 80 metri quadrati, in base a quanto stabilito dal ministero dei Lavori Pubblici nel 1969, bisognerà modificare la categoria catastale dell'intera proprietà che diventa automaticamente A/1, ovvero abitazione di lusso. Una volta definito questo aspetto, si dovrà decidere poi tra un modello in vetroresina, prefabbricato e solo da installare, dopo naturalmente aver eseguito uno scavo, e un modello con struttura realizzata in loco. Lo scheletro, per così dire, può essere in lamiera, pannelli d'acciaio, cemento armato o casseri di polistirolo.

Sulla struttura viene poi posizionata una vasca, dotata di sistemi di filtraggio e ricircolo dell'acqua che possono essere di diverse tipologie; questa vasca viene a sua volta rivestita con materiali diversi a seconda dei gusti e del budget a disposizione come pvc o ceramica, verniciata o smaltata. L'ultima componente è poi il sistema di filtraggio che in genere può essere di due tipologie: il cosiddetto skimmer o la canaletta di sfioro. Il primo è meno costoso ma non offre la possibilità di realizzare le famose infinity pool. Il secondo ha prezzi più alti e richiede la presenza di una vasca di compenso esterna ma garantisce un migliore filtraggio dell'acqua e dal punto di vista estetico è davvero il top.

L'effetto più suggestivo si ottiene, appunto, quando il terreno è degradante e si può posizionare la vasca di scolo in un luogo non visibile. In questa maniera si ha la sensazione che la piscina prosegua verso l'infinito (è in questo caso che si parla di infinity pool). Quanto ai costi, per le piscine in vetroresina il prezzo dipende soprattutto dalla grandezza della vasca e può variare dai 3mila euro (5m x 3 m x 1,10) ai 10mila euro e oltre (9m x 4m x 1,60m) ma bisognerà sempre aggiungere il costo di installazione e dei lavori come per esempio lo scavo (dai 20 ai 60 euro al metro cubo) spesso non di poco conto.

Piscina interrata, a sfioro o fuoriterra: prezzi e differenze

Come detto, se l'obiettivo è solo quello di realizzare una piscina in tempi celeri spendendo poco, i modelli fuoriterra oppure quelli in vetroresina sono l'ideale. Si tratta, però, di opere non durature, poco comode in quanto non si potrà osare in termini di profondità e neppure d'impatto dal punto di vista estetico. Un buon compromesso è la piscina interrata in vetroresina ma resta il problema della profondità. Inoltre, e non è di un particolare di poco conto, con il passare degli anni il colore della vasca tenderà a sbiadire a causa del sole e del cloro e sarà necessario riverniciarla.

Altri fattori da tenere in considerazione sono il maggiore riscaldamento dell'acqua, e questo non è necessariamente un aspetto negativo, e l'usura. Con il passare degli anni, la vetroresina tende a subire le pressioni del terreno ed è per questo che, per preservare la vasca il più a lungo possibile, si rischia di doverla tenere sempre piena anche in inverno quando magari non viene utilizzata. I costi, però, sono di gran lunga più contenuti rispetto alle piscine tradizionali. Quanto alle cosiddette piscine in muratura, il cemento rischia di essere troppo invasivo, soprattutto se si tratta di un piccolo spazio. La soluzione del futuro è infatti quella dei pannelli in acciaio, garantiti fino a 30 anni, senza limiti di forma e misura.

A fronte di un costo sensibilmente maggiore è infatti possibile realizzare anche una buca per tuffi. I costi sono maggiori rispetto alla vasca in vetroresina ma più contenuti rispetto ai modelli in cemento armato la cui durata, però, può considerarsi davvero eterna con pochi ed economici interventi di manutenzione annuale. Tornando ai prezzi, una piscina interrata in pannelli di acciaio ha un costo compreso, in media, tra gli 11mila e i 18mila euro; leggermente superiore quello di un lavoro realizzato in casseri di polistirolo. La piscina in cemento armato, come detto, è invece la più costosa e può superare i 20mila euro.

Nel complesso, elementi che possono far lievitare il preventivo sono le dimensioni, la profondità, i materiali, la zona di installazione (pensiamo alle difficoltà di dover trasportare una vasca in vetroresina su un'isoletta in montagna), la forma, eventuali optional (coperture, illuminazione, pavimentazione perimetrale, scivoli e trampolini, spa, idromassaggio, nuoto controcorrente) e sistema di filtraggio (skimmer o a sfioro). Il settore delle ristrutturazione piscina, insomma, è più complesso di quanto si potrebbe pensare ma con il giusto professionista e chiedendo qualche preventivo in più il risparmio è assicurato.

I prezzi delle piscine modello per modello

  • Piscina in casseri di polistirolo 16mila euro
  • Piscina in cemento armato 17mila euro
  • Piscina in vetroresina monoblocco 15mila euro
  • Piscina in lamiera d'acciaio 12 mila euro
  • Piscina in pannelli d'acciaio 14.500 euro

I prezzi delle piscine forniti sono valori medi relativi a impianti standard di dimensione 12x6 metri forniti da imprese che propongono un tipo di servizio chiavi in mano.


Requisiti di sicurezza per le piscine: le raccomandazioni dell'UNI

Quando si ha intenzione di costruire una piscina, uno dei primi aspetti a cui si presta attenzione è quello della sicurezza.

Qual è, dunque, la normativa da prendere in considerazione?

Tanto per chi frequenta piscine pubbliche o private, quanto per chi ne ha una nel proprio giardino o sta per realizzarla, la norma di riferimento al livello nazionale è la UNI 10637:2016 denominata “Piscine - Requisiti degli impianti di circolazione, filtrazione, disinfezione e trattamento chimico dell’acqua di piscina". L'organo di riferimento è invece l'UNI, l'Ente italiano di normazione.

La norma in questione, oltre ad offrire una classificazione delle diverse tipologie di piscina esistenti, ne specifica i requisiti di progettazione, costruzione e gestione degli impianti di trattamento e filtraggio dell’acqua. A supporto esiste poi la norma UNI EN 13451-3 che specifica i requisiti di sicurezza che devono avere le griglie di aspirazione delle piscine e i metodi di prova per ingressi e uscite di acqua/aria. Perché l'obiettivo di molti è quello di spendere poco per una piscina il più grande possibile ma, a farne le spese, non deve essere la sicurezza.



“I dispositivi di aspirazione – spiega al proposito l'Ente - devono essere progettati e installati in modo tale da ridurre la possibilità di intrappolamento dell'utilizzatore garantendo una velocità dell'acqua in corrispondenza delle uscite ≤0,5 metri cubi al secondo”.

In merito agli impianti di aspirazione e alla struttura delle piscine interrate, l'Ente fornisce 4 raccomandazioni fondamentali:

  • griglie di forma bombata per evitare l'effetto ventosa
  • sistema di aspirazione progettato con un minimo di due uscite funzionanti per pompa (in caso di malfunzionamento di un bocchettone l'altro è in grado di compensare)
  • installazione sul pavimento di un interruttore di emergenza generale
  • in caso di cascate d'acqua o fontane a fungo devono essere posizionate in modo da non oscurare alcun pericolo per i bagnanti come gradini sommersi o ostacoli.

I prezzi delle piscine, insomma, sono fondamentali per chi si appresta a ristrutturare gli esterni ma anche la sicurezza è un aspetto da non prendere assolutamente sotto gamba.

 

Nuova Piscina
Con Ristrutturazioni.com puoi richiedere velocemente preventivi e sopralluoghi gratuiti per i tuoi lavori in casa.
Confronta i prezzi di 3 professionisti della tua zona.

News: ristrutturare casa nel modo migliore

Arredamento del giardino: così la casa sembrerà più grande

Sei in cerca di idee per l'arredamento degli esterni e dopo aver affrontato una costosa ristrutturazione ti piacerebbe risparmiare? Dal letto dondolante all'orto verticale: ecco qualche suggerimento pratico e 5 idee da copiare subito

Guida alla scelta dei Pavimenti per Esterni

Balconi, terrazzi, giardini, vialetti e superfici carrabili: ogni tipologia di spazio esterno richiede una mattonella specifica. Pregi e difetti materiale per materiale, dal gres ai pannelli flottanti

Tettoie in legno: prezzi, permessi e modelli più di tendenza

Servono i permessi per realizzare una pensilina per l'auto? Quali sono i modelli di coperture e carport più economici e di tendenza? Ecco una miniguida interamente dedicata allo sterminato mondo delle tettoie in legno